Berlino, classi quinte

“Berlino, capitale del Novecento”.

La gita di quinta ha avuto, prima di tutto, un respiro storico, consentendo di ripercorrere il “secolo breve” in quattro giornate. Innanzitutto la Berlino di inizio secolo, con la Porta di Brandeburgo, testimone della maestosa Germania imperiale, e poi il Reichstag, simbolo della fragile repubblica di Weimar. Il secondo giorno è stata la volta della Berlino del Terzo Reich hitleriano: la visita al museo dell’Olocausto ha costituito l’occasione per capire meglio la riduzione dell’uomo perpetrata dal nazismo. L’indomani, il museo della Stasi e i resti del Muro di Berlino ci hanno raccontato di un altro totalitarismo, quello della DDR, ancor più negatore della libertà. Fino all’architettura contemporanea – come i grattacieli di Renzo Piano in Postdamerplaz, che raccontano di una Germania di nuovo unita, forte e ordinata. Il capitalismo trionfante e opulento garantirà una libertà sostanziale o sarà l’inizio di una nuova riduzione, solo più sottile e velenosa?

Abbiamo visto cosa voleva dire Kennedy: “Anch’io sono un berlinese”.

gita Berlino_La Traccia

 

 

 

gita Berlino_La Traccia

 

gita Berlino_La Traccia