Edizione 2016

TUTTO MI CHIAMA

 

Il titolo della festa di quest’anno può suonare strano o enigmatico.
È forse un’esortazione a stare “sull’attenti”? Una chiamata ad impegnarsi in ogni cosa con dedizione?

In realtà per noi è innanzitutto il frutto di un’esperienza: qualcosa che abbiamo scoperto lungo il corso di quest’anno, facendo scuola tutti i giorni. Stiamo sperimentando, in questo tempo segnato da cambiamenti epocali e da allarmi inquietanti, che si può non aver paura della realtà: ce lo ha insegnato l’incontro con don Davide Rota, che vive lieto e certo la chiamata dell’emergenza immigrati, con Valentina Doria, in prima linea di fronte alle urgenze affettive di oggi, con Weil Farouq, un professore musulmano che non teme di indicare nel cuore dell’uomo la radice della crisi odierna e il punto da cui si può ripartire.

Ma ce lo hanno insegnato, giorno dopo giorno, questi nove mesi di scuola.

Abbiamo imparato in classe, con i nostri ragazzi, che ogni materia, ogni domanda, ogni problema è un invito: un invito personale che la vita ci fa, ci rinnova per farci crescere, cioè diventare noi stessi.

Tutto ci chiama affinché possiamo dire io, da uomini: e questo io rinnovato è la grande novità che risponde alla storia. Per questo ve lo vogliamo raccontare: con le mostre, con le scoperte che ragazzi e professori hanno vissuto insieme in classe; con l’opera semplice e piena di significato dei genitori volontari che ogni giorno costruiranno la festa, adulti che rispondendo alla chiamata semplice dei bisogni di una scuola iniziano a rispondere a questo Tutto che chiama.

Ma ve lo racconteremo anche con le nostre facce, il nostro stare insieme, il clima che si può respirare dopo un anno di cammino.

Per questo vi invitiamo a festeggiare con noi.

Scarica il libretto della festa.

Sottoscrizione a premi Edizione 2016

Segnaliamo in evidenta i seguenti incontri.

FestaTraccia2016